Iglesias tra street art e writing | disagian

Iglesias tra street art e writing

Travel Urban Travel
By
on

Iglesias è un comune di circa 26000 abitanti della provincia del Sud Sardegna. Nonostante questo, il lato urban di Iglesias mi ha piacevolmente stupito: dai primi writing fino ai grandi muri, la città dimostra un forte legame con l’arte urbana.

Gran parte delle opere oggi presenti ad Iglesias sono frutto del lavoro di due realtà veramente interessanti: l’Associazione ENNE2 ed IglesiaStreetart.

I grandi muri di Iglesias

Sono diversi gli interventi urbani presenti sulle pareti degli edifici di Iglesias: tre si trovano in piena periferia, mentre altri tre sono praticamente in centro città

Serra Perdosa il quartiere popolare

I due muri più grandi di Iglesias, circa 200mq a testa, si trovano sulle facciate di alcuni palazzi del quartiere popolare di Serra Perdosa e sono opera di Giorgio Bartocci e Skan.

Iglesias-Giorgio-Bartocci-Architettura-Liquida
Muro di Giorgio Bartocci a Serra Perdosa (Iglesias)

Se da una parte “Architettura Liquida N3” di Bartocci si presenta nel classico stile astratto dell’artista, dove l’opera sembra mutare continuamente, senza mai fermarsi ed attirando il nostro sguardo in maniera magnetica, dall’altra “False Memorie” di Skan, che si affaccia su uno dei cavalcavia più trafficati della città, ci porta ad indagare il nostro inconscio e le nostre memorie: un volto presentato su più livelli prospettici e distorti che scompare nel buio oppure nasce dal buio stesso, a seconda di come lo si vuole guardare.

Iglesias-Skan
Muro dal titolo False Memorie, autore Skan

Grazie a questi due muri il legame tra periferia e centro si fa sempre più forte creando quasi un percorso continuo grazie all’arte urbana.

Località su Pardu: il Liceo Artistico Asproni

A qualche centinaia di metri da Serra Perdosa troviamo la località su Pardu, altra zona periferica della città di Iglesias, dove ha sede il Liceo Artistico Asproni.

Proprio sulle pareti frontali di questo liceo, suddivise su più livelli di profondità, ha lavorato qualche anno fa un altro artista italiano molto conosciuto nell’ambito dell’astrattismo (ma già writer): 2501.

Iglesias-2501-2
Particolare del muro di 2501 ad Iglesias

Il suo è uno stile inconfondibile caratterizzato da lunghe ed infinite righe parallele che seguono un percorso a tratti complesso ed a tratti semplice, che dall’alto verso il basso sembrano lasciarsi andare come un flusso d’acqua generando figure a cui l’occhio dell’osservatore non può rimanere indifferente.

Iglesias-2501

I muri nel centro di Iglesias

Sono principalmente quattro gli interventi importanti nel centro di Iglesias.

Manu Invisible alla Sala Lepori

Sulle pareti della Sala Rita Lepori nei pressi dell’istituto Eleonora d’Arborea è possibile vedere l’opera di Manu Invisible: RADICI.

La parola vuole richiamare le importanti radici storiche di Iglesias fortemente legate al mondo minerario: le immagini ed i colori sono in perfetto contrasto con lo sfondo bianco e riescono perfettamente a catturare lo sguardo dell’osservatori ricordandogli ciò che è stato contemporaneamente il bene ed il male della città

Iglesias-Manu-Invisible-Radici

Ciredz in Piazza Mario Attilio Sarigu

A pochi passi da questa umile piazza si trova un parcheggio su cui si affacciano alcune palazzine. Proprio sopra una delle pareti di queste palazzine si trova l’opera di Ciredz dal titolo Volume Effimero.

La particolarità di questo muro è la superficie su cui è stata creata, infatti ricopre più lati del volume architettonico creando quindi una sensazione di tridimensionalità e continuità unica nel suo genere.

Igleias-Ciredz-Volume-Effimero

Flavio Favelli al Mercato Civico

Alle spalle del Mercato Civico di Iglesias si può trovare un murale molto semplice, ma anche significativo, opera di Flavio Favelli.

Una enorme striscia rossa orizzontale divide a metà il muro e sopra di essa troviamo la scritta “PALMI RA“, ricordo del famoso logo del tonno Palmera e il motto “Fatto come piace a noi italiani”. Si tratta di un messaggio importante che l’artista vuole lanciare, cercando di far ragionare sulla dinamica della città di Palmira allora (parliamo del 2015) in preda ad una sanguinosa guerra civile.

Iglesias-Palmi_RA

Intervento del liceo artistico

A pochi passi dal muro di Ciredz si trova anche una vecchia cabina elettrica coperta dagli studenti del liceo artistico Remo Branca. Nulla di eclatante, ma sicuramente un’iniziativa per avvicinare i più giovani al mondo urban.

Iglesias-Cabina-Scuola

La Palestra Numero 2: un luogo pazzesco

Ad Iglesias probabilmente il luogo più interessante per il contesto urban è la Palestra Numero 2, la culla della controcultura giovanile cittadina e probabilmente il punto di riferimento per chi è interessato alla cultura hip hop.

Iglesias-Numero-2-Spalti

Uno spazio che per alcuni periodi è stato lasciato andare a sè stesso (anche se non è mai stato abbandonato totalmente dalla vecchia guardia), ma che grazie ad una serie di interventi mirati è diventato il luogo da visitare per chi è appassionato di writing e si trova nel territorio dell’iglesiente, un vero e proprio esempio per tutta la Sardegna

Numero-2-Iglesias-Skate-Park

Il piccolo skatepark, il campo da basket, il campetto da calcio in cemento, la pista per correre, le gradinate… tutto alla N°2 si sposa perfettamente con i writing ed i pezzi che sui muri di questo spazio sembrano quasi rassicurarti.

Un muro di Nero alla Numero 2

Il centro culturale di Iglesias

Uno dei luoghi più interessanti per quanto riguarda writing e street art ad Iglesias e mai citato erroneamente nelle guide è il centro culturale. Uno spazio ricreativo forse non tanto conosciuto, ma che presenta una serie infinta di pezzi per lo più fatti dai writer storici della città come Matz e Nero

Iglesias-Centro-Culturale
Igleisas-Centro-Culturale-Writing

Il writing ad Iglesias: NERO

Tutto quanto descritto fino al paragrafo precedente è poco per me rispetto a quanto Nero, storico writer di Iglesias, mi ha raccontato sull’evoluzione della cultura e della scena underground in città.

Oggi è tutto facile grazie ad internet, ma 30 anni fa non era così: le informazioni si diffondevano tramite qualche fanzine o con qualche foto fatta in viaggio, certamente non tramite la televisione.

Nero mi ha raccontato i suoi inizi, come si studiavano i pezzi quando internet non c’era ancora, tutta una serie di avventure vissute ed anche un interessante punto di vista rispetto alle nuove generazioni.

Sono diverse le Hall of Fame che Nero gestisce ad Iglesias, quasi tutti fuori dal centro città (Anche il centro culturale di Iglesias è praticamente quasi tutto opera suo): basta camminare, perdersi un po’ per le strade secondarie per imbattersi in qualche suo muro.

Ed i suoi muri meritano: nelle sue opere c’è una ricerca di stile ed uno studio della lettera veramente profondo.

Il ruolo che Nero ha avuto nell’evoluzione del writing ad Iglesias è fondamentale se si vuole cercare di percepire realmente il lato urban della città e la cosa che vi consiglio di fare è cercarlo, magari mentre lavora su qualche muro, e farvi raccontare direttamente da lui la storia di Iglesias.

Iglesias-Hall-Of-Fame
Una delle Hall of Fame di Iglesias
Iglesias-Hall-Of-Fame-2
Iglesias-Hall-Of-Fame-2

E vi dirò di più: Nero è stata una figura simbolo negli anni passati alla Numero 2, ma questa è un’altra storia e sicuramente lui potrà raccontarvela meglio.

TAGS
RELATED POSTS
disagian
MIlano

Ciao sono Gianluigi, ma la gente persiste nel chiamarmi Gianluca. Ho sempre viaggiato con l'obiettivo di farlo per passione e non per lavoro. Mi muovo alla ricerca di street art e bevo caffè e birrette nelle zone più urban delle città. Ho qualche match su Tinder, odio le candele e non credo negli ombrelli.

TI PIACE LA
STREET ART?
SCOPRI I MIEI VIAGGI SU
INSTAGRAM
SEGUIMI!