Street Art e Graffiti: la differenza - disagian

Street Art e Graffiti: la differenza

Street Art
on
1 Aprile 2022

Una delle domande che mi viene fatta più spesso dalle persone che si avvicinano a questo mondo è “quale è la differenza tra graffiti e street art?

Premesso che non sono un professionista del settore e non mi definisco un esperto, l’unica cosa che posso permettermi di fare è provare a spiegare, con parole mie, quale sia la differenza tra questi due movimenti così lontanamente simili.

Partiamo da queste parole

i graffiti sono brutti e sporcano mentre la street art è bella e riqualifica le zone

Libertà di espressione a parte, queste parole sono sintomo di un’ignoranza chiara in materia (che non deve passare come un’offesa, ma come uno stimolo ad imparare).

differenza-tra-graffiti-e-street-art---street-art
Street Art sui muri di Birmingham, United Kingdom

Street Art vs Graffiti la differenza

Come primo concetto penso sia fondamentale chiarire quale sia il background alle spalle dei due movimenti artistici: il Graffiti Writing (ma sarebbe meglio dire solo Writing), che in italiano è tradotto in graffitismo, nasce come movimento culturale e manifestazione sociale; la Street Art è un’evoluzione di quel movimento che sta diventando sempre più una merce vendibile e scambiabile.

Aggiungo una postilla: mentre il writing è considerato un vero e proprio movimento, la street art non lo è, ma per comodità la descriverò così.

Ecco un’altra cosa che differenzia i due movimenti: le persone ed il modo in cui vengono riconosciute e chiamate.

Nel Graffiti Writing si parla di Writer mentre nella Street Art si utilizza la parola Artista: secondo me si tratta sempre di artisti, ma molto spesso il writer considera più importante questo termine e preferisce essere chiamato così.

Anche se il termine writer sembra quasi minimizzare la persona, in realtà è secondo me il termine più indicato per chi fa writing (Poichè ogni writer è artista nel suo universo).

differenza-tra-graffiti-e-street-art---graffiti
Graffiti a Melbourne – Everything has beauty but not everyone can see it

Non dimentichiamo che l’ambiente in cui nascono e si sviluppano queste due figure è diverso: il writer nasce in strada, sviluppa il proprio stile sui muri della città e lo fa di nascosto, per non essere visto poichè ciò che fa è illegale e solitamente fa parte di una crew; lo Street Artist nasce in studio, perfeziona la propria tecnica in ambienti sicuri e successivamente si sposta sui muri, ma alla luce del sole ed in maniera legale.

I writer sono sfuggenti e si nascondono e la cultura del Writing è legata alle tags ed al lettering, mentre la Street Art è sempre più caratterizzata da produzioni artistiche elaborate, realismo, astrattismo, iconografie e natura, insomma soggetti che richiedono diverso tempo per essere trasportati su una parete e devono per forza essere eseguiti alla luce del sole.

differenza-tra-graffiti-e-street-art---underground
Il mondo underground dei graffiti

Graffiti vs Street Art il messaggio

Consideriamo anche il messaggio che i due movimenti vogliono lasciare: nel movimento dei Graffiti Writing, con le tags, si vuole marcare un territorio ed inviare un messaggio forte e chiaro a chi osserva (e comprende) ed al Writer non interessa che questo messaggio arrivi al di fuori del suo mondo; nella Street Art, comprese tutte le sue tecniche (Stencil, Sticker…), si cerca di smuovere la coscienza delle persone, di suscitare empatia ed emozioni forti e soprattutto di frequente è lo stesso Street Artist a spiegare il significato della propria opera affinchè il messaggio arrivi a più persone possibili (Pensa che oggi ci sono decine di street artist con uffici stampa personali che si occupano di avvisare le testate giornalistiche quando eseguono un’opera in strada).

Pensaci un attimo: sarà per questo motivo che molti considerano i graffiti orribili, ma tutti considerano la street art arte? Perché forse ci hanno abituato ad accettare una cosa e meno l’altra?

differenza-tra-graffiti-e-street-art---street-art-2
Il famoso wall di Tristan Eaton dedcato a Audrey Hepburn a New York

Che differenza c’è tra graffitismo e street art?

La differenza più importante tra street art e graffitismo è composta da due fattore principalmente: la bomboletta aerosol e lo studio della lettera, detto lettering. Nel graffitismo (o graffiti writing) è prassi utilizzare la classica bomboletta spray e disegnare il proprio nome, o quello della proprio crew, modificando a piacimento la forma della lettera. Nella street art non esiste questo “obbligo”, è possibile utilizzare materiali diversi come ad esempio i poster oppure i pennelli e la vernice ed il soggetto può essere una scritta, ma anche un animale, una persona o un soggetto astratto.

In breve, secondo me, sia il Graffiti Writing che la Street Art sono espressioni di artisti che hanno un grande obiettivo nella vita: lasciare un segno sulla Terra ed essere ricordati, ma se dovessi riassumere in una frase la differenza tra graffiti e street art, direi che:

La Street Art altro non è che la gentrificazione di quel movimento nato 50 anni fa e chiamato Writing

Ci tengo a dire che le mie sono parole frutto di idee, letture e ricerche fatte negli anni: non penso che un movimento sia meglio dell’altro, ma trovo giusto cercare di aiutare chi magari oggi si domanda quali siano le differenze tra i due movimenti

Aryz Palazzo Nuovo

Domande e Risposta su Street arte e Graffiti

Ecco una serie di domande e risposte sulla differenza tra street art e graffiti.

Quale è la differenza tra murales e graffiti?

I murales sono solitamente muri di grandi dimensioni su cui street artist riproducono opere di forte impatto. Non sempre viene utilizzata la bomboletta spray per questi disegni: sono diversi gli artisti che si avvalgono di altri strumenti come rulli e pennelli; si potrebbe dire che con murales si intendono le pitture murarie sugli edifici della città (muralismo urbano)

I graffiti sono invece opere realizzate con bomboletta aerosol (bomboletta spray) su muri di diversa forma e dimensione, oppure su mezzi pubblici come treni e bus, che rappresentano lettere. Alla base dei graffiti infatti c’è lo studio della lettera.

Perché la street art è considerata illegale?

La street art è considerata illegale poiché si tratta di attività artistiche svolte sulle pareti delle città senza alcun permesso. Oggi spesso si sente il termine “street art legale” che potrei definire “imbarazzante”. Il writing e la street art nascono e crescono come illegali, successivamente per motivi di contenimento e di marketing i due movimenti sono stati accettati e coinvolti nel decoro urbano. In questo casi è più corretto parlare di arte urbana o arte pubblica.

L’illegalità è alla base del writing ed alla base della street art: la ricerca continua di riappropriarsi di qualcosa che è stato sottratto ingiustamente alla comunità spinge gli artisti a creare e dipingere i muri della città.

Quando la street art diventa vandalismo?

La street art è una corrente artistica che nasce dalla strada in maniera illegale e di per sé nasce quindi come atto vandalico. Il fatto che un disegno sia bello esteticamente non lo rende più legale rispetto ad un altro: sicuramente viene accettato più facilmente, ma un disegno su una proprietà personale o comunale rimane sempre un atto di vandalismo poiché eseguito contro la volontà del proprietario.

Pe approfondire sul tema, questo è il mio articolo su street art, writing e vandalismo.

Quando è legale fare graffiti?

In diverse città esistono degli specifici posti chiamati “MURI LIBERI”. Su quei muri è legale fare graffiti writing poiché si tratta di vere e proprie tele messe a disposizione da parte dei comuni per permettere ai writer di esercitare e migliorare le proprie capacità.

Anche durante le jam di graffiti è solitamente legale disegnare poiché sono stati richiesti precedentemente i permessi.

TAGS
RELATED POSTS
disagian
MIlano

Ciao sono Gianluigi, ma per qualche motivo la gente mi chiama Gianluca. Viaggio alla ricerca di street art e graffiti, bevo caffè e birre nelle zone più urbane delle città e ti racconto tutto questo sembrando un vero professionista. Odio le candele e non credo negli ombrelli, ma la sintesi della mia vita disagiata è il fatto che mi piacciono le mele, ma sono allergico alle mele.

Iscrivi alla newsletter!
Consigli su cosa leggere, cosa vedere, dove viaggiare ed un piccolo resoconto su ciò che è successo nel mondo dell'arte urbana. Una volta al mese, se mi ricordo
ISCRIVITI
Cliccando su ISCRIVITI accetti di ricevere la newsletter di disagian (Leggi l'informativa completa)
No, grazie
Newsletterismi?
Se ami la street art, fidati, ne vale la pena!
ISCRIVITI
Cliccando su ISCRIVITI accetti di ricevere la newsletter di disagian (Leggi l'informativa completa)
No, grazie