Lettering Graffiti: quando le lettere diventano arte sui muri | disagian

Lettering Graffiti: quando le lettere diventano arte sui muri

Graffiti Writing Street Art
on
27 Dicembre 2019

Il termine Lettering Graffiti, oppure Graffiti Lettering, ma quasi sempre abbreviato in Lettering, si utilizza per indicare le forme di writing caratterizzate dall’utilizzo delle lettere dell’alfabeto.

Quindi la scritta Paola Ti Amo sotto casa mia è lettering?”

NO.

Graffiti-Writing-Scritta
Non Badate A Me – Milano Giambellino

Cerchiamo di andare più nel dettaglio.

Quando scrivo che il Graffiti Lettering è basato sull’utilizzo delle lettere dell’alfabeto, non voglio dire che una qualsiasi scritta è classificabile all’interno di questo ramo, un minimo di stile e soprattutto di studio alla base ci deve essere.

Il writer (o sempre meglio graffiti writer) non crea disegni, figure astratte o volti, ma lettere.

Old-School-Lettering-5
Un writer all’opera a Francoforte – Notare l’utilizzo del lettering

Queste lettere a volte sono semplici, ma caratterizzate da uno stile, un colore, una forma, altre volte sono incomprensibili all’osservatore a meno che non si conosca a fondo lo stile del writer (In questo caso parliamo di Wild Style)

Ma quale è la differenza tra street art e graffiti?
Te lo spiego in questo post: leggilo

“Eh ma allora la firma sotto il graffito non è lettering?”

A meno che non sia trascritta in uno stile specifico, collegato in qualche modo al muro, no: si tratta della tag.

Lettering Graffiti Alphabet: dalla A alla Z

A cosa punta un writer?

Chiaramente a farsi conoscere in tutto il mondo, ma soprattutto ad essere riconosciuto dai suoi colleghi.

E come può farlo?

Oggi ci sono diverse possibilità, ma principalmente le vie sono due: tappezzando il mondo con la sua tag (in questo caso parliamo di bombing) oppure creando un proprio stile (ed in questo caso parliamo di styling).

Se poi una persona è in grado di mischiare le due cose, fa il colpaccio.

Vienna-Concrete
Vienna – Graffiti Lettering CONCRETE

Dicevamo: creare il proprio stile; facile a dirsi, ma avete mai pensato a cosa significa creare qualcosa da zero?

Magari qualcosa che non esiste.

Ecco che il concetto di studio delle lettere prende senso: la forma, i colori, le caratteristiche… tutto può portare a rendere uniche le lettere.

Old-School-Lettering-1
Old School Graffiti Lettering

L’obiettivo è creare un vero e proprio alfabeto: qualcosa di unico, di proprio, che diventa il segno riconoscitivo nel mondo del graffiti writing alla pari di una tag.

Graffiti Lettering Style: come nasce uno stile

La prima cosa da dire sicuramente è che non esiste un tutorial per creare uno stile; possiamo però vedere come si evolve il graffiti lettering grazie ad alcune tecniche conosciute.

Immaginiamo un muro pieno di tag: ad un passante sembrerà un pattern ripetitivo e con poco senso.

Old-School-Lettering-7
John Lennon Wall – Praga – Pattern Ripetitivo

Come scritto sopra: il writer vuole distinguersi, emergere.

Il miglior modo? Fare una scritta più grande degli altri e magari più colorata.

Immaginiamo ora una hall of fame di graffiti composta semplicemente da grandi lettere: anche in questo caso ad un passante sembrerà di trovarsi davanti ad una serie di lettere tutte uguali.

Ecco che si evolve lo stile del graffiti writer.

Old-School-Lettering-3
Graffiti Lettering Style – Lo stile differenzia

Nascono i “graffiti style lettering”: l’utilizzo di sfondi colorati, lettere personalizzate, la terza dimensione e le ombre, l’outline e l’overline, i bagliori, i loop per collegare le lettere, il bubble style, il blockbuster style…

Old-School-Lettering-6
Tallinn – Estonia – Esempio di Graffiti Lettering Style

Ecco cosa c’è dietro il graffiti lettering: studio, voglia di distinguersi e tanta storia, cosa che spesso viene sottovalutata.

TAGS
RELATED POSTS
disagian
MIlano

Ciao sono Gianluigi, ma la gente persiste nel chiamarmi Gianluca. Ho sempre viaggiato con l'obiettivo di farlo per passione e non per lavoro. Mi muovo alla ricerca di street art e bevo caffè e birrette nelle zone più urban delle città. Ho qualche match su Tinder, odio le candele e non credo negli ombrelli.

TI PIACE LA
STREET ART?
SCOPRI I MIEI VIAGGI SU
INSTAGRAM
SEGUIMI!